Ricerca: salviamo le api

buy provigil uk online Che soddisfazione scoprire che mia nipote ha scelto le api come argomento a scelta nella sua ricerca di scienze!

Ho sempre pensato, quando ero piccola, che fare le ricerche scolastiche era molto noioso, salvo poi appassionarmi mentre le scrivevo.
Credo che per Beatrice sia stato lo stesso, o almeno spero che mia nipote si ricorderà quello che ha raccolto sulle api per la sua ricerca, un giorno.

Per lei è stato relativamente facile scriverne, visto che poteva osservare in presa diretta Trimellis in azione, tra arnie, api regine introvabili e fuchi impauriti.
Ma senza lo stimolo della scuola forse non saremmo stati così popolari durante la sua indagine giornalistica.
La scuola ha una responsabilità importante nel distruggere pregiudizi e paure nei confronti di queste piccole creature operose.
In età scolare una maestra allergica alle punture d’ape mi ha trasmesso, involontariamente, il terrore nei confronti degli imenotteri che entravano ingenuamente nella nostra aula.

Quando, per la prima volta, mi sono trovata circondata di api, in apiario, non ho respirato per qualche secondo. La “maestra” si è palesata, nella mia mente, con tutte le mie paure di bambina. Poi credo che la curiostà abbia avuto facile sopravvento, un istinto molto più sano quando si incontrano le api.
E che auguro a Beatrice di non perdere mai, al di là dei voti da raggiungere sulla carta.